23/12/2013 - Leonardo Anselmi

Nome e cognome: LEONARDO ANSELMI
Nato a PIACENZA il LUNEDI' 31/08/70
Arbitro da SABATO 11/12/93
Organo tecnico di appartenenza: OTS
Categoria arbitrata: SECONDA e TERZA

1)     
Leo, hai raggiunto i 20 anni di arbitraggio come bere un bicchier d'acqua, congratulazioni! Ora però vogliamo sapere anche noi qual è il tuo segreto.

Grazie! Il segreto è pensare sempre alla partita successiva: dopo aver terminato la gara e compilato il referto la testa va alla prossima partita e se non mi è ancora arrivata... la aspetto! E così trascorrono le settimane, i mesi, i campionati e di conseguenza gli anni! Il rammarico è aver cominciato tardi a 23anni, e avevo giá in testa a 16/17 di diventare arbitro.

2)     Vai per i cinquanta ma hai il fisico e la corsa di un quindicenne, vuoi dare qualche consiglio ai nostri associati più giovani sul valore dell'allenamento per un arbitro?

L'allenamento è tutto o quasi: come si prepara un compito in classe o un interrogazione studiando, così si deve scendere in campo pronti fisicamente e MAI pensare di finirla al novantesimo... impostate il traguardo 10/15 minuti oltre!Il resto è stile di vita sano, il sabato sera possiamo divertirci (nei giusti limiti) ma non stiamo in clausura!

3)     Chi ti conosce sa della tua particolare abilità nel memorizzare eventi ed associarvi una data, quindi ti proponiamo un piccolo quiz: che giorno della settimana era il 27 Aprile 1986? E che cosa accadde a livello calcistico? Non sbirciare su Google, ti teniamo d'occhio!

Si è vero, è una dote e ti assicuro che non ho sbirciato... 1986 ... Domenica, la Juve vinse il suo XXII scudetto grazie ad una sconfitta della Roma la settimana precedente all'Olimpico contro il fanalino di coda e retrocesso Lecce.
Un campionato strano, una Juve fortissima nella prima parte che salì a +8 sui giallorossi, mentre nella seconda parte ci fu il recupero della Roma con aggancio a 2 dal termine.
Alla penultima Roma-Lecce terminò 2-3 e si finì il 27 Aprile perché ci furono i Mondiali in Messico, Italia qualificata di diritto per il trionfo in Spagna 82, ma venne eliminata agli ottavi dalla Francia di Michel Platini. Potrei continuare ma è meglio fermarsi.

4)     
Oltre che sul fronte arbitrale sei impegnato anche su quello atletico: raccontaci un po' dei tuoi ultimi risultati alle maratone a cui hai partecipato.

I miei ultimi risultati purtroppo non sono andati bene, ma non faccio drammi, si corre per il gusto di stare bene ed essere in forma, e se chiudo la mezza maratona oltre l'ora e 40 minuti pazienza! Il mio record è 1:30':58" a Perugia 2006, sono passati 7 anni e mezzo.
Ad ogni modo punto a far benissimo domenica 4 maggio 2014 a Piacenza, e colgo l'occasione per invitarvi a partecipare visto che ormai i campionati saranno per molti terminati. Vi assicuro che è bellissimo, non sentite lo stress di una gara di calcio, lì sono tutti amici e tutte AMICHE!

5)     Qual è stato l'episodio più strano che ti è mai capitato in campo?

1994-95 torneo a Maggio della Garibaldina, partita di Juniores, entra un cagnolino in campo, molti cercano di prenderlo compreso il sottoscritto, nel momento della tentata presa scivolo e cado... Risate dalla tribuna con tanto di telecamera filmato da un collega di lavoro!

Ringraziamo Leonardo per la sua disponibilità e ci vediamo lunedì prossimo!

25/11/2013 - Francesco Bertaccini


Come successore di Francesco Strozzi, per non abbandonare il tema spirituale, abbiamo invitato Francesco Bertaccini, nota figura della nostra sezione, che ha “gentilmente accettato”.


Nome e cognome: FRANCESCO BERTACCINI

Nato a PIACENZA il 22/09/1984
Arbitro dal 2000
Organo tecnico di appartenenza: OTS
Categoria arbitrata: VARIE ED EVENTUALI

1. Buonasera dott. Bertaccini, tutto bene? Le va di rispondere a qualche nostra domandina?

Tutto male ci possiamo lamentare grazie. Temo di non avere molte alternative che rispondere: il curatore del sito mi si è attaccato come pitbull ai garretti.

2. Sappiamo che è dura succedere a uno come Francesco Strozzi, ma siamo sicuri che te la caverai…

Dopo il nuovo viene il vecchio!

3. Sappiamo che sei stato tu a mettere Strozzi sulla retta via del Signore e a infondere in lui la spiritualità. Ma è vero che vi trovate spesso a pregare insieme?

No comment

4. Francesco, sono tanti anni che collabori in sezione… ok che sei giovane dentro, ma non credi sia arrivata l’ora di farti da parte e lasciare spazio ai giovani (quelli veri)?

Assolutamente d’accordo dopo circa 11 anni di consiglio (su 13 di sezione) farei volentieri un passo indietro per lasciare spazio ai “ciofani”. Peccato che il ruolo che ho nel consiglio sia quello meno simpatico e meno agognato facendo si che nessuno faccia a cazzottoni per scipparmelo. Devo trovare il metodo di farmelo fregare..

5. Girano voci che durante la tua militanza al CRA, prima come Arbitro e poi come Assistente, tu abbia compiuto gesta memorabili. Ci puoi raccontare qualcosa?

Diciamo che non mi sono lasciato sfuggire l’occasione di farmi riconoscere.. Tanto per fare un esempio due mesi fa a Casalmaggiore un tifoso ha urlato durante una partita: “passano gli anni ma resti sempre il solito stronzo!”. Questo dovrebbe rendere l’idea di quanto sia profondo nei cuori il mio passaggio.

6. Parlando della tua carriera da Assistente… ci giungono voci che tu abbia trovato il partner ideale in un collega della sezione di Parma. Chi è? Ci racconti le vostre avventure?

Si dice il peccato ma non il peccatore..  Ci hanno designati insieme per quasi due stagioni. Passavamo la settimana a pensare a cosa inventarci con il malcapitato arbitro di turno.

7. Qual è la scena più comica a cui hai assistito o partecipato nel mondo dell’arbitraggio?

Il calcio femminile è sempre foriero delle più grandi scene comiche o di neorealismo.

8. Domanda che facciamo a tutti gli intervistati: qual è l’episodio più strano che ti è mai capitato in campo?

Una gara di promozione dove ho guidato una terna uscita tra gli applausi. Diciamo che quel giorno abbiamo veramente dato il meglio (ovviamente quella domenica il commissario non c’era)

9. Ultima domanda: abbiamo sentito una voce che diceva che a breve ti sposerai… da buon cristiano immaginiamo tu farai la cerimonia in Chiesa. Il tuo parroco si è già dimesso?

Poverino si sta riprendendo dallo shock…


Ringraziamo Francesco per la sua disponibilità e ci vediamo lunedì prossimo!

21/10/2013 - Vittorio Masarati

Nome e cognome: VITTORIO MASARATI
Nato a BORGONOVO VAL TIDONE il 14/10/1968
Arbitro dal 14/06/1995
Organo tecnico di appartenenza: OTS
Categoria arbitrata: VARIE ED EVENTUALI

1)       Da poco è passato il tuo compleanno, come lo hai festeggiato?

Come direbbe il buon Leonardo (Anselmi, un collega, ndr): "45 anni fa era un lunedì". L'ho festeggiato in sezione tranquillamente. 

2)       Vittorio, sono tanti anni che sei sui campi e continui a portare nuovi ragazzi a far parte della nostra squadra... sono vere le voci che dicono che stai fondando una sezione a parte a Borgonovo?

Sono sicurezze, certezze... ma per i prossimi 70 anni penso di aspettare...

3)       Sei diventato molto famoso a Borgonovo grazie al calcio che ormai molti ti considerano il sindaco... è vera sta storia?

Il sindaco è il primo passo. Punto direttamente alla Presidenza della Repubblica, poi a Segretario Generale dell'ONU 

4)       Arbitrare da soli è difficile... molte situazioni spesso sfuggono al direttore di gara, anche se giovane. Un vecchietto come te come fa? Quali sono i segreti della tua eterna giovinezza?

(ride per il "vecchietto", ndr)

  • Il pollo vecchio fa buon brodo;
  • Il segreto è far correre gli altri, alzare il collo e col binocolo vedere i falli

5)       Che squadra tifi?

Un arbitro non tifa. Un arbitro è super partes, e dunque può solo simpatizzare.

5bis)   Allora mi sorge spontanea un'altra domanda: che squadra simpatizzi?

Simpatizzo per quelle squadre che in campo si comportano regolarmente.

6)       Qual è l’episodio più strano che ti è capitato in campo?

Ve ne racconto due, ma senza indicare le squadre:

  • Mi trovavo ad arbitrare un derby di Terza Categoria e, grazie alla mia erre moscia, dopo aver ripreso un giocatore, uno del pubblico ha detto: "Amici, ararararararar" (clicca per la nota audio ). Ho dovuto fermare il gioco e aspettare a riprenderlo finché calciatori e pubblico non smettessero di ridere.

  • Un'altra volta sono entrate in campo tre o quattro "gallinelle americane" (in foto). Ho dovuto fermare il gioco per impegnare i giocatori all'inseguimento delle galline.

Ringraziamo Vittorio per la sua disponibilità e ci vediamo lunedì prossimo!

Pagina 2 di 2