Hai mai pensato di diventare arbitro di calcio?

Ti chiederai, perché dovrei farlo?

Gli arbitri appaiono talvolta come la parte debole del calcio, quella sempre bersagliata da critiche e polemiche: tutto ciò perché quasi nessuno conosce veramente cosa si cela dietro questa figura a volte oscura e ignota, ossia un mondo fatto di passione, di sacrifici, di soddisfazioni, di gioie e soprattutto di crescita e spirito di squadra.

Gli arbitri sono una grande squadra, sempre pronta a difenderti nei momenti difficili e a farti crescere come uomo o come donna.

Si scende in campo sempre tutti insieme, anche se all'inizio sarai solo tu a decidere.

L'arbitro decide e, per questo, vince ad ogni partita.


Come si diventa arbitri?

Come Sezione di Piacenza, noi offriamo la possibilità di seguire ogni anno due corsi di formazione, dalla durata di 15 lezioni ognuno, durante le quali vengono spiegate una ad una le 17 regole del giuoco del calcio. Hanno inizio solitamente nei mesi di Ottobre e di Marzo, e sono aperti a ragazzi e ragazze di età compresa fra i 15 e i 34 anni.

Il prossimo corso avrà inizio martedì 16 ottobre.

Il costo? Nessuno, è l'AIA stessa ad investire per la miglior formazione possibile dei suoi futuri arbitri. Al termine del corso verrà verificata l’effettiva conoscenza del regolamento tramite un esame, che consta di una prova scritta e una orale.

Anche l'allenamento, per gli arbitri dell'AIA, è assolutamente gratuito. Ogni martedì e ogni giovedì, dalle 18.30 alle 20.30, il nostro gruppo si ritrova al Campo di atletica "Pino Dordoni" sia per, appunto, allenarsi, ma anche per condividere episodi successi durante l'arbitraggio, nonché dubbi e incertezze.

Le divise e gli accessori necessari all'espletamento delle funzioni arbitrali sono anch'esse fornite gratuitamente agli associati.


Cosa aspetti?

Se sei uno studente, inoltre, l'attività di arbitro ti permette di acquisire ogni anno un credito formativo scolastico.

Con la tessera FIGC potrai accedere a tutti gli stadi italiani anche in occasione di gare dei massimi campionati nazionali, come la Serie A, la Serie B, la Coppa Italia.

Un adeguato rimborso spese verrà riconosciuto ogniqualvolta si scende in campo per arbitrare una partita.


Ti ho convinto?

Se vuoi qualche informazione in più, siamo a tua disposizione. Puoi chiamarci al numero 339/2603768. Ti risponderà Mario, che sarà lieto di rispondere a tutte le tue domande.

In alternativa, puoi scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure puoi passare a trovarci presso la nostra Sede di via Calciati 14.

AIA, principi CONI: resta voto ad arbitri

L’Associazione Italiana Arbitri prende atto, con soddisfazione, dell’approvazione dei nuovi Principi Fondamentali delle Federazioni Sportive che sostituiscono quelli deliberati nell’aprile scorso.

La presenza degli ufficiali di gara, quindi anche degli arbitri di calcio, negli organi direttivi e nelle assemblee elettive federali – da tempo già riconosciuta dallo Statuto Federale e ritenuta conforme all’ordinamento sportivo internazionale del calcio da organi nominati dallo stesso CONI, massima Autorità sportiva – è stata, ora, ribadita, a conferma del diritto inalienabile di tutti i tesserati di partecipare, con pari dignità, alla vita federale.

Il Presidente, il Comitato Nazionale ed i trentatremila arbitri italiani ringraziano le Autorità istituzionali e vigilanti sullo Sport, che hanno tutelato tale diritto, e tutti coloro che hanno condiviso questo percorso ed assicurano, come sempre, il proprio imparziale servizio a favore del gioco del calcio e, nello stesso tempo, la propria leale collaborazione per creare una nuova stagione federale.


Fonte: sito AIA

Raduno pre-campionato Ferriere 2018


Grande affluenza al Raduno pre-campionato di Ferriere. Due giorni di evasione dal caldo cittadino che hanno visto protagonisti tutti gli arbitri e gli osservatori in forza presso l’Organo Tecnico Sezionale, meticolosamente organizzati dal Consiglio Direttivo Sezionale e da alcune forze arbitrali nazionali e regionali.
Al mattino i test atletici si sono regolarmente svolti sotto l’occhio attento non solo del Presidente Gresia e del Vicepresidente Rondino, ma anche degli ospiti illustri che hanno arricchito l’evento.
Il CRA, rappresentato dal Responsabile 1ª categoria Maurizio Babarelli, come ogni anno ha portato il suo “in bocca al lupo” all’intera sezione piacentina, sempre più in crescita.
Alberto Boschi, componente del Comitato dei garanti dell’AIA, con alle spalle una brillante carriera che lo ha visto, fra l’altro, calcare i campi della Serie A come Arbitro le tribune come Osservatore, ha saputo sintetizzare in poche parole concetti cardine non solo dell’attività arbitrale ma anche della vita di ogni giorno. Il (mancato) rispetto dei ruoli, sui campi da calcio, è una piaga che perdura ormai da troppi anni; è proprio di ciò che si occupa il Comitato dei garanti, organo in cui AIA, FIGC e CONI lavorano congiuntamente.
Presente anche il delegato FIGC Luigi Pelò, che ha aperto ufficialmente la nuova stagione sportiva. Ad accompagnare Pelò il consigliere regionale FIGC Alberto Zucchi.
A fine serata, Domenico Gresia ha annunciato il nuovo corso arbitri, che avrà inizio nel mese di ottobre e su cui egli stesso punta al fine di accrescere la forza arbitrale piacentina.

Circolare n°1 2018/2019

L'AIA ha reso pubblica, come da prassi, la Circolare n°1 della Stagione Sportiva 2018/2019.

È possibile scaricarla a questo link.